INAUGURATO IL NUOVO ANTIQUARIUM VITO SOLDANO

 

L’intervento è stato reso possibile grazie alla collaborazione tra il Parco Archeologico della Valle dei Templi e la Soprintendenza ai Beni Culturali di Agrigento.

 

L’area archeologica di Vito Soldano conserva i resti di un edificio termale costruito agli inizi del IV secolo d.C., inserito all’interno di un più vasto insediamento lungo la strada romana Agrigento-Catania.

 

I reperti esposti nell’Antiquarium illustrano alcuni aspetti della vita quotidiana in età romana, dalla preparazione e consumo del cibo all’illuminazione degli ambienti; frammenti di ceramica da mensa e di anfore importate soprattutto dall’Africa settentrionale, dimostrano la vivacità degli scambi commerciali in cui l’insediamento Vito Soldano era coinvolto.

 

Si tratta di una nuova tappa importante nel percorso intrapreso dal Parco Valle dei Templi per la valorizzazione delle aree archeologiche che rientrano nelle sue competenze – spiega il direttore del Parco archeologico e paesaggistico, Roberto Sciarratta – con le sole risorse del Parco abbiamo allestito un antiquarium di cui il sito aveva necessità, e che permette di avviare un racconto complessivo sull?intera area archeologica che aveva bisogno di essere rivalutata.

 

L’antiquarium è opera in toto del Parco: percorso espositivo, teche climatizzate, impianti elettrici e di sorveglianza. Il prossimo passo sarà il giardino sensoriale di Casa Pace nella Valle dei Templi.

 

L’inaugurazione è stata inserita tra gli appuntamenti nazionali delle GEP . Le Giornate europee del Patrimonio. Prevista l’apertura straordinaria del sito e la presentazione del progetto di recupero e tutela paesaggistica che mira a raccontare il sistema delle stazioni di sosta e dei commerci nell’antichità, legando le visite guidate al sito archeologico, alle degustazioni di prodotti del territorio: nell’insediamento Vito Soldano sarebbe stata individuata la mansio di Corconiana, una delle stazioni di sosta citate nell’Itinerarium Antonini lungo la strada romana Agrigento-Catania.

Back to top
it_IT