VALLE DEI TEMPLI: RITROVAMENTI AL TEMPIO DI GIUNONE

 

Uno straordinario deposito votivo all’interno del quale sono state ritrovate circa 60 statuette, protomi e busti femminili in terracotta, lucerne e piccoli vasi, frammenti di bronzo, mescolati a un gran numero di ossa: i ritrovamenti, emersi durante l’ultima campagna di scavi all’interno della Valle dei Templi di Agrigento, in particolare nella “Casa VII b”, che è parte del complesso abitativo a nord del Tempio di Giunone. La campagna è interamente sostenuta dalla Regione Siciliana attraverso il Parco Archeologico diretto da Roberto Sciarratta, ed è guidata dall’archeologa Maria Concetta Parello.

 

I ritrovamenti «permettono di comprendere le dinamiche della distruzione di Akragas del 406 a.C. ad opera dei Cartaginesi», quando gli abitanti dovettero fuggire in esodo verso Gela lasciando, come riportano le cronache di Diodoro Siculo, «tutto quello che aveva costituito la loro felicità», quindi tutti i beni comprese le raffigurazioni degli dei che onoravano in preghiera.

 

“Lavoriamo senza sosta per restituire alla Sicilia momenti di storia che le appartengono – afferma l’assessore ai Beni culturali e all’identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato -. I ritrovamenti della Valle, che in questo momento sta vivendo una stagione straordinaria con gli oltre 23.400 visitatori soltanto nell’ultimo weekend, giungono durante una campagna di scavi avviata nel 2019 e poi bloccata dal Covid e questo rende ancor più significativo il ritrovamento. Sembra che ogni sito in questo momento abbia qualcosa da dirci”.

 

Il deposito votivo, che sembrerebbe sistemato sopra i livelli di distruzione della casa, potrebbe raccontare il momento in cui gli oggetti che lo compongono furono recuperati dagli akragantini dopo la distruzione. Per definire con certezza la funzione dell’interessante deposito occorrerà proseguire la ricerca, ponendo massima attenzione alle connessioni stratigrafiche tra il deposito e i livelli di vita e di abbandono della casa. Intanto è già stato programmato il restauro dei numerosissimi reperti recuperati in previsione di una loro immediata valorizzazione. “È un intervento scientifico che abbiamo sostenuto negli ultimi anni – afferma il direttore del Parco Valle dei Templi Roberto Sciarratta – e che ha dato da subito dei risultati importanti. Nell’area di scavo, che ci regala una lettura dettagliata degli avvenimenti storici, era già stato individuato un ampio settore di abitato, ovvero case di età greca, la cui fase principale termina con la conquista e la distruzione della città da parte dei Cartaginesi”.

Back to top
it_IT