GLI ORI E I GIOIELLI DI LIPARI NEL PERIODO CLASSICO

 

Nel periodo di formazione e nascita delle antiche civiltà greche, che va dal VIII al V secolo a.C, nelle zona della Sicilia e della Magna Grecia, la produzione di gioielli era legata alla Grecia, nonché la madre patria, in cui la produzione dell’oro era già consolidata.

 

L’arte greca era considerata raffinata ed è possibile notarlo nell’eleganza dei gioielli rinvenuti nelle sepolture delle antiche colonie. Uno dei centri di maggiore produzione di gioielli in oro, è la città di Spina, situata nell’Italia centrale, nel mondo etrusco.

 

A partire dal IV e dal III secolo a.C., venne ritrovata un’importante quantità di oreficerie che si trovano nell’Italia meridionale, ciò lascia intuire la presenza di botteghe orafe, conosciute anche per l’aumento della ricchezza e di conseguenza di maggiore quantità di simboli di prestigio. Tra questi, vi sono: diademi, orecchini, collane, fibule, braccialetti, anelli, spiloni in oro e argento, prodotti secondo la tradizione di quel tempo.

 

Ad ora, gli scavi archeologici non hanno portato alla luce botteghe specializzate, ma solamente per il periodo ellenistico è stata conservata la documentazione relativa alla presenza di un orafo nella città di Heraclea, subito dopo la scoperta della sua tomba, contenente tutti gli strumenti dell’arte orafa greca. I materiali utilizzati per la produzione, sono l’oro, l’argento, l’ambra, le pietre semipreziose e le paste vitree. La loro eleganza favorisce quasi sicuramente l’importanza di oggetti importanti che alludono al potere e alla ricchezza, oppure destinati ad uso cerimoniale.

 

Le principali tecniche di lavorazione erano quelle della martellatura, cesello (un piccolo scalpello con cui rifinire le lamine d’oro), filigrana e granulazione. Più precisamente, la filigrana è una tecnica di lavorazione che consiste nella lavorazione ad intreccio di sottili fili di oro e argento, poi girati e fissati su una lamina d’oro in modo da creare un elegante effetto traforato. La granulazione, invece, attraverso la saldatura di piccole sfere d’oro, permette di disegnare motivi e ornati già prestabiliti.

Back to top
en_GB