LABORATORI E VISITE GUIDATE NELLE TERME DI SANTA VENERA AL POZZO

 

Grazie alla collaborazione con la Città del Fanciullo e il Parco Archeologico e Paesaggistico di Catani e della Valle dell’Aci, entrano nel vivo le attività del progetto.

 

Dopo l’inaugurazione dello scorso 15 settembre dei locali in via San Giovanni Nepomuceno, proseguono le lunghe attività legate al nuovo Living Lab delle Aci. I nuovi locali situati nel centro storico di Catania, ospitanti la terza stampante 3D più grande del Meridione, si inseriscono grazie al Gae Terre di Aci a completamento del primo Living Lab, il laboratorio multimediale per la valorizzazione partecipata del patrimonio culturale, materiale e immateriatela del luogo.

 

All’interno del progetto, è possibile svolgere laboratori rivolti alle scuole e iniziati il 29 settembre diretti dalla collaborazione della Fondazione Città del Fanciullo, ma anche grazie all’ente del Parco Archeologico e Paesaggistico di Catania e della Valle dell’Aci per quel che riguarda il patrimonio culturale immateriale dell’Opera dei Pupi.

 

Le attività hanno avuto un impatto significativo giorno 6 ottobre, in cui gli studenti di quinta elementare della scuola San Giovanni XXIII hanno visitato e partecipato ai laboratori archeologici alle Terme di Santa Venera al Pozzo.

 

Quello di Santa Venera al Pozzo è uno dei siti più significati all’interno del progetto Living Lab, per accrescere la partecipazione attive delle popolazioni  per la rinascita culturale dell’Aci. Il tema principale dei laboratori, è quello del rispetto del bene comune da percepire, quale ricchezza e alla cui conservazione e valorizzazione i cittadini devono contribuire in prima persona. Nell’ambito dei laboratori oltre al “Laboratorio della memoria”, sono previsti il “Laboratorio di strada” e il “Laboratorio di pittura del carretto siciliano”.

 

I giovani archeologici appartenenti all’Associazione culturale Stoà Sicula, nata nel 2019 con sede ad acireale, hanno raccontato alla scolaresca la storia del sito culturale. Al termine della passeggiata all’interno del parco, i bambini sono stati coinvolti in un laboratorio didattico archeologico in cui ognuno di loro ha realizzato un manufatto in terracotta da portare a casa come ricordo.

 

Margherita Ferro, ospite e sindaca di Aci Catena e consigliera del GAL Terre di aci, si ritiene soddisfatta del lavoro svolto.

Back to top
en_GB