MUSICA IN SCENA: L’ARCOSOLI JAZZ FESTIVAL 2023

 

Per il dodicesimo anno torna la musica colta ad Agrigento con la messa in scena dell’Arcosoli Jazz Festival 2023, che avrà inizio il 29 luglio fino al 17 agosto, all’interno della splendida cornice della Valle dei Templi.

 

Come riferito dal direttore del parco Roberto Sciarratta: “Siamo molto contenti di potere proporre ai nostri visitatori una offerta musicale ed artistica di altissimo livello. È nella mission del Parco promuovere e sostenere gli eventi che arricchiscono ulteriormente il ventaglio di iniziative culturali in un momento in cui sulla nostra Città, Capitale Italiana della Cultura 2025, sono puntati i riflettori. In cantiere abbiamo tanti altri prestigiosi progetti che ci consentiranno di attirare un numero sempre maggiore di visitatori, sia in termini quantitativi, sia in termini qualitativi. Il patrimonio archeologico incontra la cultura per valorizzare ulteriormente le risorse umane, monumentali e naturalistiche che il territorio possiede”.

 

Ad aprire le danze del festival, sarà il trombettista americano Hermon Mehari, che grazie alle sue origini ha composto un album interamente influenzato dalle caratteristiche della musica eritrea. Questo lavoro, “Asmara” non proviene soltanto dal suo lato musicale, poiché le sue canzoni hanno una propensione emotiva e si rifanno ai diversi aspetti delle prospettive nei confronti del suo rapporto con la famiglia e la cultura.

 

La sera del 3 agosto, invece, vedrà sul palco Gianni Cazzola, batterista la cui carriera è cominciata all’età di 19 anni, molteplici esperienze hanno fatto si che diventasse uno dei musicisti più conosciuti a livello internazionale, anche grazie alla collaborazione con artisti e interpreti di grande rilievo, partecipando a numerosi concerti e festival internazionali.

 

A seguire, il 12 agosto, sarà presente il pianista Stefano Sabatini, che con il suo trio composto da Dario Rosciglione e Pietro Iodice, metterà in mostra le proprie doti non solo di musicista, ma anche di compositore sensibile e ispirato.

 

Per la serata conclusiva del 17 agosto, saranno previste le esibizioni dei musicisti della Sicilia Telamón Quintet, produttori di musica Jazz, Ethno Jazz e Afro-Jazz, guidate dal compositore e batterista argentino Mauro Patti. Il nome del progetto e del disco musicale, provengono dalla figura del Telamone, di cui famosa è quella rinvenuta ad Agrigento, appartenente all’antico tempio di Zeus Olimpo, rappresentato come un solido gigante fatto di tufo con i gomiti alzati; conosciuto anche con il nome di Atlante, era posto, insieme ad altri Telamoni a sostegno del tetto del tempio, come segno di unione. Proprio per questo, l’obiettivo del gruppo musicale, è quello di rappresentare l’importanza del lavoro di squadra. La musica proposta da questa band musicale, richiama la tradizione popolare siciliana e Agrigentina.

 

L’evento è organizzato dall’Associazione Formidabili, cui scopo è anche quello di mettere in mostra l’imponenza e la straordinaria bellezza dei luoghi e dei personaggi storici e mitologici di quel tempo.

Back to top
en_GB