LE DOMUS DI VILLA SAN PANCRAZIO A TAORMINA

 

La fondazione di Tauromenion risale a un periodo successivo rispetto alla colonizzazione delle prime città in Sicilia. Dionisio I di Siracusa la fondò nel 396 a.C., subito dopo la distruzione della vicina Naxos, affidandola ai Siculi. Successivamente, nel 358 a.C., fu rifondata da un gruppo di esuli di Nassioti, guidati da Andromaco, padre dello storico Timeo.

 

Concentrandoci sulle Domus, i primi scavi, condotti dalla Soprintendenza di Messina dal 1978 nell’area tra via Pirandello e via San Pancrazio, hanno portato alla luce una domus romana con 26 ambienti disposti attorno a un peristilio che circonda un ampio cortile. Inizialmente parte di un hotel del Novecento, l’area è stata successivamente acquistata da Luxury Collection S.r.l. nel 2016, che ha stipulato una convenzione con l’Università e la Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina. Questa collaborazione ha permesso la continuazione degli scavi, il restauro dei reperti e la creazione di un progetto per valorizzare, fruire e comunicare l’area archeologica, che in futuro sarà collegata anche alla struttura alberghiera in fase di ristrutturazione.

 

I recenti scavi hanno portato alla luce un intero quartiere residenziale di epoca romana, con strutture di epoche successive (fino al Medioevo) sovrapposte. A sud della prima Domus è stata individuata una strada lastricata, delimitata da un muro di terrazzamento, che separava la Domus 1 da un’altra, più a sud, denominata Domus 2.

Back to top
en_GB