AREA ARCHEOLOGICA AKRAI

 
Disegno dei Santoni

Akrai fu, secondo Tucidide, la più antica delle subcolonie di Siracusa, fondata nel 664 a.C., sull’altipiano tra le due valli del Tellaro e dell’Anapo, a controllo dell’entroterra.

 

Il primo ad identificare Akrai con il sito posto ad ovest di Palazzolo Acreide, fu lo storico e teologo Tommaso Fazello nel XVI secolo, ma è solo con il barone Judica nel secolo XIX che comincia la vera e propria ricerca archeologica. L’area pubblica, disposta lungo il versante del colle che sovrasta la città moderna, è dominata dalla presenza del teatro, del bouleterion, risalenti al III sec. a.C. e di un probabile edificio termale con sala centrale a pianta circolare, di età tardo-ellenistica. Sull’acropoli, rimangono le fondazioni di un tempio arcaico della seconda metà del VI sec. a.C., identificato con il tempio di Afrodite, menzionato in una iscrizione. Un asse viario con orientamento E-W, intercalato da una rete di strade secondarie disposte a pettine, collegava le due porte della città.

 

In età paleocristiana, un complesso di catacombe e ipogei funerari si aprì sulle pareti di alcune grandi latomie di età classica: Intagliata e Intagliatella, creando una suggestiva scenografia. Lungo il versante meridionale del Colle Orbo, si trovano i cd. “Santoni”, un santuario del III sec. a.C. dedicato al culto della dea Cibele, caratterizzato dalla presenza di grandi sculture rupestri raffiguranti la dea seduta in trono entro un’edicola.
Sempre di età ellenistica è il vicino santuario detto dei Templi Ferali, dedicato al culto dei morti venerati come Eroi. Originariamente cava di pietra, presenta le pareti interamente rivestite, nella parte inferiore, di incavi votivi.

Back to top
it_IT