RIAPRE IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI LAMPEDUSA: UNA NUOVA VITA PER IL PATRIMONIO CULTURALE

 

Dopo un significativo intervento di rinnovamento, il Museo Archeologico di Lampedusa ha celebrato la sua riapertura, segnando un nuovo capitolo per il patrimonio culturale dell’isola delle Pelagie. La cerimonia di inaugurazione ha visto la presenza di illustri personalità, tra cui il Prefetto Filippo Romano e l’Arcivescovo Monsignor Alessandro Damiano, a dimostrazione del profondo valore culturale e comunitario dell’evento.

 

Il progetto di rinascita del museo è frutto di una collaborazione tra il Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi e l’ATS Pelegies. Maria Concetta Parello e Antonio La Gaipa, rappresentanti del Parco, insieme a Salvatore Pace, hanno lavorato incessantemente per portare a termine questo ambizioso progetto.

 

Durante l’evento, Rosangela Mannino, presidente della Fondazione Visioni D’autore, ha esposto il duro lavoro svolto dalle squadre: “Con il sostegno continuo del Parco Valle dei Templi, siamo riusciti a riportare in vita uno dei nostri più preziosi beni culturali.” Il museo accoglierà i visitatori con la sua ricca collezione archeologica al piano inferiore, mentre il piano superiore ospiterà la nuova mostra “Storie di vita e di memoria”, creata in collaborazione con il Comune di Lampedusa e Linosa e altre istituzioni di rilievo.

 

L’apertura del museo segna l’inizio di un entusiasmante percorso per valorizzare e promuovere il patrimonio storico e culturale di Lampedusa. Gli organizzatori invitano residenti e turisti a esplorare e celebrare le radici di questa incantevole isola, crocevia di culture nel cuore del Mediterraneo.

Back to top
en_GB